Itinerario Seconda Guerra Mondiale – La Linea Gotica italiana; I campi di concentramento in Polonia; Bastogne e Ardenne; Normandia.

La Seconda Guerra Mondiale è stata, senza ombra di dubbio, l’evento più importante del ‘900.

L’evento non ha bisogno di introduzioni particolari in quanto è già tutto scritto nei libri di storia.

Moltissime sono state le località toccate profondamente da questa guerra e tra queste assumono un ruolo di spicco località come Auschwitz, la Normandia, la Linea Gotica italiana ed i campi di concentramento sparsi in tutta Europa.

La lezione più grande che questi luoghi ci impartiscono è quella di “non dimenticare”.

Ed allora che sia per cultura personale o anche solo per curiosità, vi consigliamo questo nuovo itinerario esclusivo.

Prima di partire per questo lungo viaggio, vi consiglio di colmare alcune eventuali lacune sugli eventi storici che hanno caratterizzato questa guerra, in modo da non perdere nessun riferimento a riguardo quando visiterete i vari siti storici.

A tal proposito, vi lascio il link alla pagina di Amazon dedicata a tutto il materiale presente sulla piattaforma riguardo il suddetto argomento.

 

 

 

 

Il nostro itinerario prevede:

  • Viaggio dalla località di partenza verso Bologna
  • Soggiorno di 3 notti a Bologna
  • Aereo da Bologna per Cracovia
  • Soggiorno di 3 notti a Cracovia
  • Aereo da Cracovia per Charleroi (Bruxelles)
  • Soggiorno di 3 notti a Bastogne (con auto a noleggio)
  • Treno da Charleroi (Bruxelles) per Caen
  • Soggiorno di 3 notti a Caen
  • Treno da Caen a Parigi
  • Volo di ritorno in Italia da Parigi

 


 

 

LA LINEA GOTICA ITALIANA

Fu la linea fortificata difensiva istituita dal feldmaresciallo tedesco Albert Kesselring nel 1944 nel tentativo di rallentare l’avanzata dell’esercito alleato comandato dal generale Harold Alexander verso l’Italia Settentrionale. La linea difensiva si estendeva dalla provincia di Apuania (le attuali Massa e Carrara), fino alla costa adriatica di Pesaro, seguendo un fronte di oltre 300 chilometri sui rilievi delle Alpi Apuane proseguendo verso est lungo le colline della Garfagnana, sui monti dell’Appennino modenese, l’Appennino bolognese, l’Appennino Pistoiese, l’alta valle dell’Arno, quella del Tevere e l’Appennino forlivese, per finire poi sul versante adriatico negli approntamenti difensivi tra Rimini e Pesaro.

I tedeschi battezzarono inizialmente questa linea con il nome di “linea Gotica”. Si decise poi di ribattezzarla linea Verde (“Grüne Linie”), per volere dello stesso Adolf Hitler, che temeva le ripercussioni propagandistiche se il nemico avesse sfondato una linea dal nome così altisonante. Ma nella storia, soprattutto in Italia, questa linea difensiva continuò a essere conosciuta con il nome di “Gotica”. Il feldmaresciallo Kesselring intendeva così proseguire la sua tattica della “ritirata combattuta”, già attuata dai tedeschi fin dai primi sbarchi alleati in Sicilia, per infliggere al nemico il maggior numero di perdite, in modo tale da rallentare e addirittura fermare l’avanzata angloamericana verso nord, difendendo la pianura padana e quindi l’accesso all’Europa settentrionale, attraverso il passo del Brennero, e l’accesso all’Europa centrale attraverso Trieste.

Per permettere il superamento di questo ultimo importante baluardo della difesa tedesca le forze alleate angloamericano composte dall’8ª armata inglese e dalla 5ª armata americana idearono un piano strategico denominato Operazione Olive che venne attuato nel settembre 1944: esso tuttavia ebbe solo parzialmente successo in quanto, pur a fronte dello sfondamento delle linee fortificate e della conquista di ampie porzioni di territorio, le forze tedesche (favorite anche dalle condizioni meteorologiche avverse) riuscirono a contenere l’attacco alleato sino a bloccarlo alla fine del 1944; solo a partire dal 21 aprile 1945, a seguito dell’offensiva alleata di primavera, la Linea Gotica venne definitivamente superata.

Dal punto di vista strategico, permettendo all’esercito tedesco di resistere fino al decisivo sfondamento delle linee di difesa pochi giorni prima della resa incondizionata delle truppe tedesche in Italia, la linea Gotica rappresentò un esempio di “vittoria difensiva” tedesca.

 

AUSCHWITZ E BIRKENAU

Per campo di concentramento di Auschwitz (in tedesco Konzentrationslager Auschwitz o anche KL Auschwitz) si intende il vasto complesso di campi di concentramento e di lavoro che formarono un sistema concentrazionario situato nelle vicinanze di Oświęcim (in tedesco Auschwitz), città della Polonia meridionale. Oltre al campo originario, denominato Auschwitz I, durante il periodo dell’Olocausto, nacquero diversi altri campi del complesso, tra cui il famigerato campo di sterminio di Birkenau (Auschwitz II), situato a Birkenau (in polacco Brzezinka), il campo di lavoro di Monowitz (Auschwitz III), situato a Monowitz, (in polacco Monowice), e altri 45 sotto-campi costruiti durante l’occupazione tedesca della Polonia in cui i deportati venivano utilizzati per lavorare nelle diverse industrie tedesche costruite nei dintorni.

 

BASTOGNE E LE ARDENNE

Bastogne si trova nelle Ardenne ed ebbe un ruolo cruciale durante la seconda guerra mondiale soprattutto nel corso dell’Offensiva delle Ardenne. Il 21 dicembre 1944, le Panzerdivision della Wehrmacht circondarono la città, accerchiando la 101ª Divisione Aviotrasportata americana e numerosi reparti di altre unità disgregate dal violento attacco tedesco. La energica ed efficace difesa di Bastogne da parte della 101ª Aviotrasportata ebbe grande importanza per l’esito finale dell’offensiva tedesca; molti reparti tedeschi rimasero infatti agganciati intorno alla città e le importanti vie di comunicazione centrate su Bastogne rimasero in possesso delle forze americane, intralciando molto la progressione delle colonne corazzate tedesche.

Inoltre, la 3ª Armata americana del generale George Patton contrattaccò ben presto da sud per soccorrere le forze americane accerchiate, riuscendo a raggiungere e sbloccare la città già il 26 dicembre. I combattimenti per il possesso del nodo stradale, tuttavia, rimasero violenti ancora per molte settimane. Quando i tedeschi si ritirarono da Foy (un villaggio a 5 km da Bastogne) il 14 gennaio 1945, lasciarono dietro di loro una città completamente distrutta.

 

NORMANDIA

Durante la seconda guerra mondiale la Normandia fu uno dei due punti di partenza (insieme alla Provenza) dell’offensiva alleata che mise fine all’occupazione tedesca . Il 6 giugno del 1944 fu lanciata l’Operazione Overlord, il maggiore sbarco di tutta la storia militare, condotta contemporaneamente su diverse spiagge del Calvados e della Manica. Vi presero parte truppe degli Stati Uniti, della Gran Bretagna e del Canada e contingenti francesi e polacchi. Lo sbarco fu l’inizio della battaglia di Normandia, che si concluse solo il 12 settembre con la capitolazione della guarnigione di Le Havre, quando diverse regioni della Francia erano già state liberate.

Un gran numero di cimiteri militari e musei di cimeli esistono nella regione a ricordo del periodo e si conservano fortificazioni in cemento, dette blockhaus soprattutto lungo la costa, che facevano parte del “Vallo Atlantico”, costruito dai tedeschi.

Nel dopoguerra numerosi centri cittadini e infrastrutture dovettero essere ricostruiti dopo le devastazioni della guerra. A Rouen andarono distrutte diverse case medioevali con le facciata a travature di legno e la stessa cattedrale sfiorò la distruzione. Scomparve il centro storico di Lisieux, dove si salvò miracolosamente solo la cattedrale di san Pietro e la nuova basilica che era in corso di costruzione. Numerosi edifici andarono distrutti a Caen, mentre la cittadina di Saint-Lô fu quasi interamente distrutta.

 

(Fonte: Wikipedia)

 


 

 

Per tutti coloro che non vogliono utilizzare la propria auto per raggiungere Bologna vi consigliamo:

Per una ricerca in autonomia del vostro volo verso Bologna, affidatevi al portale Momondo.

Per una ricerca in autonomia del vostro viaggio in treno verso Bologna, affidatevi al portale Italo Treno o Trenitalia.

Per una ricerca in autonomia del vostro viaggio in autobus verso Bologna, affidatevi al portale Flixbus o Marozzi.

Per una ricerca in autonomia del vostro volo di ritorno verso l’Italia da Parigi, affidatevi al portale Momondo.

 

Ecco alcune dritte prima di passare alla prenotazione dei voli:

  • Giorni della settimana da preferire per partire da Bologna per Cracovia: Martedì, GiovedìSabato.
  • Giorni della settimana da preferire per partire da Cracovia per Charleroi (Bruxelles): Tutti i giorni eccetto il Martedì.

 

Ecco quali sono le tratte “fisse” da prenotare per realizzare questo itinerario:

  • Bologna>Cracovia

  • 50persona

  • 9.10
    Orario Andata
  • -
    Orario Ritorno
  • yes
    Diretto
  • no
    Scalo
  • Cracovia>Charleroi (Bruxelles)

  • 30persona

  • 9.10
    Orario Andata
  • -
    Orario Ritorno
  • yes
    Diretto
  • no
    Scalo
  • Noleggio auto Charleroi

  • 80per 3 giorni

  • 10.00
    Orario Andata
  • 10.00
    Orario Ritorno
  • no
    Diretto
  • no
    Scalo
  • Charleroi>Caen

  • 80persona

  • vari
    Orario Andata
  • -
    Orario Ritorno
  • no
    Diretto
  • yes
    Scalo
  • Caen>Parigi

  • 15persona

  • vari
    Orario Andata
  • -
    Orario Ritorno
  • yes
    Diretto
  • no
    Scalo

 

Premendo sul tasto prenota, sarete reindirizzati alla pagina di prenotazione del vostro viaggio che cercherete, in autonomia, seguendo le nostre direttive. 😉

 


 

 

Ecco quali sono le nostre strutture consigliate per il vostro soggiorno nelle varie località:

  • Suite Hotel Elite (Bologna)

  • 68notte/doppia quality

  • yes
    Wi-Fi
  • yes
    Colazione
  • yes
    Bagno Priv.
  • no
    Parcheggio
  • no
    1 persona
  • yes
    3 persone
  • no
    4 persone
  • Executive Suite (Bologna)

  • 69notte/doppia economy

  • yes
    Wi-Fi
  • yes
    Colazione
  • yes
    Bagno Priv.
  • yes
    Parcheggio
  • yes
    1 persona
  • yes
    3 persone
  • no
    4 persone
  • Hotel Paradise (Bologna)

  • 80notte/doppia classic

  • yes
    Wi-Fi
  • yes
    Colazione
  • yes
    Bagno Priv.
  • no
    Parcheggio
  • yes
    1 persona
  • yes
    3 persone
  • yes
    4 persone
  • Ibis Budget Stare Miasto (Cracovia)

  • 21notte/doopia standard

  • yes
    Wi-Fi
  • no
    Colazione
  • yes
    Bagno Priv.
  • no
    Parcheggio
  • no
    1 persona
  • yes
    3 persone
  • no
    4 persone
  • Pergamin Apartments (Cracovia)

  • 48notte/app. 2 pax

  • yes
    Wi-Fi
  • no
    Colazione
  • yes
    Bagno Priv.
  • no
    Parcheggio
  • no
    1 persona
  • yes
    3 persone
  • yes
    4 persone
  • Ibis Stare Miasto (Cracovia)

  • 57notte/camera doppia

  • yes
    Wi-Fi
  • no
    Colazione
  • yes
    Bagno Priv.
  • no
    Parcheggio
  • no
    1 persona
  • yes
    3 persone
  • no
    4 persone
  • Le Merceny (Bastogne)

  • 69notte/camera standard

  • yes
    Wi-Fi
  • no
    Colazione
  • yes
    Bagno Priv.
  • yes
    Parcheggio
  • no
    1 persona
  • no
    3 persone
  • no
    4 persone
  • Hotel Léo (Bastogne)

  • 92notte/doppia standard

  • yes
    Wi-Fi
  • yes
    Colazione
  • yes
    Bagno Priv.
  • no
    Parcheggio
  • no
    1 persona
  • no
    3 persone
  • no
    4 persone
  • Best Western Melba (Bastogne)

  • 102notte/doppia standard

  • yes
    Wi-Fi
  • yes
    Colazione
  • yes
    Bagno Priv.
  • yes
    Parcheggio
  • no
    1 persona
  • yes
    3 persone
  • yes
    4 persone
  • Ibis Budget Centre Gare (Caen)

  • 42notte/camera matrimoniale

  • yes
    Wi-Fi
  • no
    Colazione
  • yes
    Bagno Priv.
  • no
    Parcheggio
  • no
    1 persona
  • no
    3 persone
  • no
    4 persone
  • Aparthotel Adagio Centre (Caen)

  • 69notte/monolocale

  • yes
    Wi-Fi
  • no
    Colazione
  • yes
    Bagno Priv.
  • no
    Parcheggio
  • no
    1 persona
  • no
    3 persone
  • yes
    4 persone
  • La consigne (Caen)

  • 76notte/

  • yes
    Wi-Fi
  • no
    Colazione
  • yes
    Bagno Priv.
  • no
    Parcheggio
  • yes
    1 persona
  • no
    3 persone
  • no
    4 persone

 

Per ogni vostra ricerca in autonomia, affidatevi al portale TrivagoHotelsCombined ?

Se invece cercate un appartamento, affidatevi ai portali: HomeAway9FlatsOnly-ApartmentsWimdu ?

 


 

 

Ecco l’elenco delle attrazioni da visitare con tutti i riferimenti:

ITINERARIO 1 – BOLOGNA

Castel del Rio

In questa località potrete visitare “Il museo della guerra e della Linea Gotica”. 

Esso si sviluppa su più di 800mq. Consta di più di 1600 pezzi, alcuni dei quali molto rari.

Per raggiungere la località dovete prendere il treno alla stazione di Bologna Centrale in direzione Imola. Ad Imola dovete prendere l’autobus numero 104 (che passa ogni ora) che vi porterà direttamente a destinazione.

Costo del biglietto 4€.

 

ITINERARIO 2 – BOLOGNA

Marzabotto + Castel d’Aiano

La strage di Marzabotto fu un insieme di stragi compiute dalle truppe naziste in Italia tra il 29 settembre e il 5 ottobre 1944, nel territorio dei comuni di Marzabotto, Grizzana Morandi e Monzuno che comprendono le pendici di Monte Sole in provincia di Bologna. Fu un crimine contro l’umanità e uno dei più gravi crimini di guerra compiuti contro la popolazione civile perpetrati dalle SS in Europa occidentale durante la seconda guerra mondiale. Le cifre delle vittime variarono da un minimo di mille a un massimo di 3200 sebbene confrontando i dati dell’anagrafe si raggiunse quella di 1830.

A Castel d’Aiano si può visitare una cosa unica nel suo genere: Un plastico multimediale che narra tutte le vicende tra l’Agosto del 1944 e l’Aprile del 1945.

Marzabotto è collegata con Bologna tramite treno. Il tragitto dura circa 35 minuti. Da Marzabotto per arrivare a Castel d’Aiano bisogna prendere il treno per Vergato e da lì la linea 727 che in circa 40 minuti vi porterà a destinazione.

Per ulteriori informazioni sul plastico di Castel d’Aiano vi rimando al sito del comune.

 

ITINERARIO 3 – BOLOGNA

Vernio + Montemurlo

Il Parco Memoriale della Linea Gotico di Vernio è un piccolo ma significativo omaggio fatto ai combattenti che qui si affrontarono tra il 9 ed il 24 Settembre del 1944.

Il Museo della Linea Gotica di Montemurlo è costituito da due sezioni: La prima formata da reparti storici trovati in zona, e la seconda dedicata ad una serie di automezzi storici.

Anche Vernio è collegata tramite treno regionale con Bologna. Il tragitto è di quasi 1 ora.

Per arrivare a Montemurlo, da Vernio, bisogna riprendere il treno in direzione Prato e dalla stazione cittadina  prendere la Lam Viola in direzione Montemurlo.

 

ITINERARIO 1 – CRACOVIA

Auschwitz + Birkenau

Visita guidata con partenza da Cracovia.

Acquista ora

Costo del tour 35€ per persona.

 

ITINERARIO 2 – CRACOVIA

Oskar Schindler’s Factory

Visita guidata alla fabbrica di Oskar Schindler

Acquista ora

Costo del tour 20€ per persona.

 

ITINERARIO 1 – BASTOGNE

Bastogne + La-Roche-En-Ardenne

Un tragitto di circa 1 ora e 20 minuti separa l’aeroporto di Charleroi da Bastogne.

Bastogne, come abbiamo già avuto modo di evidenziare, è stata una località notevolmente interessata dalle offensive tedesche durante la seconda guerra mondiale. Nella cittadina è possibile individuare numerosi riferimenti e monumenti a tali battaglie.

Il museo di La-Roche-en-Ardenne raccoglie numerose testimonianze delle offensive tedesche. Tutto materiale originale recuperato.

27 minuti di auto separano le due località.

 

ITINERARIO 2 – BASTOGNE

Poteau + Vielsalm + Saint Vith

Il museo Ardenne 44 a Poteau vi regalerà un’emozione unica. Potrete infatti un giro dei campi circostanti in un mezzo corazzato d’epoca. Molto interessante il museo. 

La cittadina di Vielsalm è stata la roccaforte della 7° divisione corazzata americana. Ancora oggi conserva alcuni reperti bellici.

La città di Saint Vith era un importantissimo snodo strategico per la Germania, che però, grazie alla resistenza degli alleati, non riuscì a conquistarla. Anche qui si possono individuare numerose targhe e monumenti a ricordo degli eventi dell’epoca.

Poteau dista 10 minuti di auto da Bastogne, mentre Vielsalm dista 36 minuti e Saint Vith 21 minuti da quest’ultima.

 

ITINERARIO 3 – BASTOGNE

Diekirch

Il museo nazionale di storia militare di Diekirch è un bellissimo museo in cui potrete trovare mezzi storici che non troverete in nessun altro luogo. Ricco di testimonianze, armamenti e cimeli vari, sarà la perla del vostro soggiorno a Bastogne.

Diekirch dista 42 minuti di auto da Bastogne.

 

ITINERARIO 1 – CAEN

Caen + Pegasus Bridge

Caen fu uno degli obiettivi primari degli attacchi in Normandia e fu quasi completamente rasa al suolo. Il memoriale che si può trovare in loco contiene anche un museo tematico dedicato alla guerra.

Durante lo sbarco in normandia, il Pegasus Bridge, fu uno dei punti fondamentali per i britannici.

L’autobus numero 61 parte dall’università di Caen ed in circa 20 minuti vi porterà al Ponte Pegasus e qui potete visitare il Museo della Guerra.

 

ITINERARIO 2 – CAEN

Ouistreham + Sword Beach

Ad Ouistreham potremo visitare l’interessantissimo Museo Le Mur de l’Atlantique dove potremo visitare un vero bunker tedesco alto 5 piani, unico nel suo genere.

Sword Beach è il nome in codice assegnata alla 2° armata britannica del tenente generale Miles Dempsey.

Sarò ancora l’autobus numero 61 a portarvi a destinazione in circa 30 minuti.

 

ITINERARIO 3 – CAEN

Bayeux + Arromanches Les-Bains

Il museo memoriale 1944 di Bayeux è dedicato in generale allo sbarco ed alla liberazione della città in particolare. Qui sono esposti molti mezzi alleati.

Arromanches Les-Bains oggi è meta turistica, ma all’epoca, si trovava nel tratto di costa chiamato “Gold Beach”. Le musée du Debarquement è uno dei più famosi ed interessanti dedicato al famoso sbarco.

Caen e Bayeux sono separati da appena 21 minuti di treno.

Bayeux è separata da Arromanches da 23 minuti di autobus (Linea 74).

 


 

 

Per parcheggiare l’auto all’aeroporto di riferimento: MyParking ; Looking4parking ; Parclick

 


 

 

Il budget considerato è così composto: Soggiorno di 12 notti tra Bologna, Cracovia, Bastogne e Caen + viaggio A/R dalle località indicate.

Partendo in 2. Prezzo a persona.

ITINERARIOVIAGGIO+HOTELTOTALE P.P.
Bologna>Cracovia>Bastogne>Caen255€+301€556€

 

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi